Adobe Flash Player va in pensione: dal 2020 verrà eliminato dalla Rete

  • Flash_Player

Molti browser hanno già da tempo messo nel cassetto Flash Payer anche se ad utilizzare il plugin freeware di Adobe sono ancora in molti: dai siti, alle applicazioni fino ai software per le animazioni vettoriali. Nonostante sia tra i plugin più utilizzati è da sempre anche tra i più odiati, arrivando anche a vedere la creazione di un vero e proprio movimento anti flash per richiederne la dismissione definitiva dal Web. Finalmente, per molti, Adobe ha dato il grande annuncio che prevede il definitivo abbandono di Flash nel 2020, dopo anni di onorato lavoro. Adobe aveva incorporato il software e le varie derivazioni acquistando Macromedia nel 2005. In vita dal lontano 1995 da sempre utilizzato per Giochi, video, immagini, contenuti multimediali con grande successo.

Smetteremo di aggiornare e distribuire Flash Player alla fine del 2020 e incoraggiamo i creatori di contenuti a migrare qualsiasi contenuto Flash ai nuovi standard – ha annunciato l’azienda di San Jose – se necessario verranno rilasciate regolarmente patch di sicurezza, mantenimento della compatibilità dei vari sistemi operativi e aggiunta di nuove funzionalità”.

Non sarà un grane danno per molti, partendo dai grandi colossi che da anni ne hanno evitato l’utilizzo. Basti pensare a Microsoft che da sempre punta sull’utilizzo del suo Silverlight o a Google che ha escluso Flash dai sui servizi da tempo. Apple, addirittura, non ha mai concesso l’utilizzo su iOS e non lo supporta sui Mac da anni.

Ma perché tanto astio verso il player più conosciuto al mondo? A quanto pare i costanti bug e il suo andare perennemente in crash rallentando la navigazione e l’apertura delle pagine Web che lo contengono non ha più ragione di essere. Senza poi contare che Flash è uno dei principali punti di accesso per hacker con la diffusione di malware e adware.

Rimarrà comunque parte della storia della Rete anche dopo la sua meritata pensione alle porte.

Categorie

About the Author: