Apple Pay in Italia: come e dove pagare con iPhone, Apple Watch e Mac

  • ApplePay

Non si dovrà più andare in giro con contanti, carte di credito e bancomat, o almeno così sarà se si è utenti Apple. Da oggi anche in Italia, infatti, si potrà pagare direttamente con l’iPhone semplicemente accostandolo ai Pos abilitati ai pagamenti contactless. Il sistema di pagamento digitale Apple Pay, lanciato già nel 2014 in altre Nazioni, è ora arrivato da noi e trasforma il device della Mela in un vero e proprio conto corrente e portafoglio per le transazioni.

Gli utenti italiani di Apple potranno utilizzare un modo semplice, sicuro e riservato per pagare nei negozi, nelle app e sul web, impiegando i dispositivi che già amano e portano con sé ogni giorno“, spiega Jennifer Bailey, Vice President, Internet Services di Apple Pay. Al momento questo sistema è già presente in 15 paesi del mondo ed è usato “da decine di milioni di utenti, con un volume di transazioni cresciuto del 450% negli ultimi di 12 mesi“.

Apple ha stretto accordi in Italia con Unicredit, Carrefour Bank e l’app Boon e se ne aspettano altri entro la fine dell’anno tra cui CartaBCC, ExpendiaSmart, Fineco, Hype, N26 e Widiba, così come anche Banca Mediolanum e American Express. I negozi dove sarà possibile pagare come questo sistema sono tra gli altri  Auchan, Eataly, Ovs, Sephora.

Il sistema di pagamento Apple Pay può essere usato con iPhone, Apple Watch e Mac, quindi diventa un sistema aperto sia al mondo mobile che desktop. Utilizza la tecnologia Nfc e quindi per poter pagare basterà appoggiare il dispositivo ad un Pos di quelli già presenti nei negozi predisposti per carte di credito e bancomat contactless.

Una cosa importante è che il numero di carta di credito non verrà salvato sul device ma ad ogni transazione servirà l’autorizzazione attraverso la ricezione di un codice di sicurezza dinamico e univoco che cambia di volta in volta. Infine, il pagamento viene autorizzato attraverso il Touch ID, ossia con le impronte digitali o attraverso il codice di sicurezza che si è scelto. In caso di perdita del dispositivo nessuno potrà quindi accedere alla modalità di pagamento, strettamente personale. Al momento solo negli Stati Uniti il 90% delle transazioni ‘contactless’ sono fatte con Apple Pay.

In Italia al momento siamo ancora ben lontani da questi numeri anche se ci sono forti cambiamenti per quanto riguarda l’uso della moneta dematerializzata: nel 2016 si è registrato un forte aumento con oltre 30,4 miliardi di transato, +46% sull’anno precedente. I pagamenti digitali in generale hanno registrato un +9% a quota 190 miliardi, quasi un quarto della spesa delle famiglie italiane.

Categorie

About the Author: