Facebook contro i suicidi con l’Intelligenza artificiale

  • facebook_suicidi

Facebook da tempo è diventata vetrina privilegiata per chi ha deciso di dire basta alla vita e così il social network ha deciso di schierare le proprie forze in aiuto dei propri utenti che risultano essere a rischio e lo grazie all’introduzione dell’intelligenza artificiale. Lo ha annunciato lo stesso Mark Zuckerberg nel dettaglio in un post sul blog ufficiale di Menlo Park. In quale maniera si cercherà di ridurre il numero di suicidi grazie all’aiuto del social network? Per prima cosa va segnalato che già da giugno scorso Facebook collabora con diverse associazioni per la prevenzione dei suicidi, e offre la possibilità agli utenti di segnalare i post degli amici ritenuti a rischio di suicidio o autolesionismo oltre che ad aver sviluppato un sistema di intelligenza artificiale in grado di creare un parallelo tra i contenuti degli utenti simili a quelli di persone che hanno tentato il suicidio in precedenza.

Il sistema di AI si applica anche ai video live: nel caso in cui un utente stia vedendo un video in cui la persona ripresa stia tentando il suicidio o comunque abbia un comportamento autolesionista, potrà entrare in contatto diretto con lui e allo stesso tempo a questa persona arriveranno messaggi di aiuto e avrà la possibilità di richiedere assistenza attraverso un pulsante ben in evidenza. Il video allo stesso tempo non verrà bloccato, così da dare la possibilità agli amici e ai familiari di entrare in contatto visivo con quanto sta accadendo e dare quindi aiuto immediato.

Facebook sperimenta così per la prima volta l’inserimento dell’intelligenza artificiale da affiancare alle segnalazioni degli utenti che rimarranno comunque attive, aggiungendo quindi un sistema più accurato e sempre presente. L’AI entrerà in contatto con la persona in difficoltà consigliando di avvisare un amico o un parente o di contattare un’Associazione preposta alla prevenzione dei suicidi. In Italia i numeri consigliati sono quelli del Telefono Azzurro per i minori di 18 anni e del Telefono Amico. Le segnalazioni più urgenti arrivano a una squadra di Facebook che si occupa proprio di questo comparto specifico. I nuovi strumenti realizzati proprio per queste situazioni prevedono di poter contattare le associazioni di aiuto direttamente attraverso Messenger.

Categorie

About the Author: