Lettori digitali: sempre più eBook letti con le app per gli smartphone

  • e-reader

Durante le vacanze ci risvegliamo tutti un po’ lettori e la voglia di leggere cresce anche in chi normalmente apre difficilmente un libro in tutto l’anno. Ma come sta andando il mercato librario sulle vie digitali? L’AIE, l’Associazione italiana editori, ha raccolto dati molto interessanti sul mondo dell’editoria facendo particolare attenzione alla lettura digitale e al ruolo importante di Amazon in questo settore sia per quanto riguarda la diffusione e la vendita di eBook che di cartaceo.

Partiamo dall’inizio: i dati relativi alla lettura non sono incoraggianti anche se l’editoria segna un aumento di produzione e messa in vendita. Nello scorso anno abbiamo avuto infatti un decremento di lettori pari al –3,1% rispetto al 2015 (da 24,051 milioni i lettori scendono a 23,300 milioni nel 2016). A diminuire sono i lettori occasionali, mentre rimangono stabili i cosiddetti “lettori forti”. Cambia però il modo di leggere, lasciando ampio spazio agli eBook che rubano mercato al vecchio e profumato libro di carta.

Spostando quindi l’attenzione solo ai libri digitali si vede che si preferisce utilizzare agli ereader tradizionali, sempre più smartphone e tablet, probabilmente per la comodità di avere sempre tutto a portata di mano in un unico prodotto. Gli ebook (e gli audiolibri) valgono 62 milioni di euro nel 2016. Anche se la vendita di eBook non riesce a sanare la diminuzione di vendite di libri, ha avuto comunque un forte incremento del +2,3%.

Questa predisposizione alla lettura digitale è segnata anche dalla crescita dell’uso dei dispositivi per la lettura con il 10% degli italiani nel 2016 che scelgono di leggere su dispositivi. Pochi ereader che vengono utilizzati solo dal 7,3% contro il 64,4% che usa gli smartphone, seguiti dal 28,3% con i tablet.

Non è facile avere comunque delle stime definitive poiché Amazon non fornisce dati sugli utilizzi dei Kindle, lasciando fuori quindi una forte fetta di lettori che non vengono monitorati.

La politica del colosso americano rende più difficile dare una vera fotografia dell’universo dei lettori digitali italiani. Quanto riusciamo ad avere è dato da una ricerca di AIE che ha unito dati di differenti fonti.

Per quanto riguarda la vendita di libri cartacei, si vede come l’ecommerce sta portando via una grande fetta alla libreria vera e propria che rimane comunque punto principale di acquisto per i 3/4 dei lettori. Come dicevamo è l’ecommerce ad avere una buona crescita, con il 16,5%.

Categorie

About the Author: