Wind Tre Spa: l’unione fa la forza ma i due marchi restano separati

  • Conferenza stampa Wind, Huawei e Sirti

In molti si pensava ad una unione sotto nuovo ed unico nome, vedendo scomparire i due marchi di telefonia Wind e Tre, ma a quanto pare questo non accadrà, o almeno solo in parte. Se ne parla già da un po’ di tempo e ora Maximo Ibarra, amministratore delegato di Wind Tre, ha rilasciato un’intervista al Corriere della Sera, dove chiarisce alcuni dettagli e parla del futuro della neonata Wind Tre SpA.

Per iniziare ha parlato dei due brand che rimangono complementari proprio per la loro forza.  Proprio per questo continueranno a rimanere separati andando ad investire su diversi segmenti di mercato. Wind proseguirà il suo cammino per famiglie e la convergenza fisso-mobile, mentre Tre a sua volta rimarrà su un target più giovane, sul mobile e sulla digital innovation. Per quanto riguarda invece il lato aziendale, i due brand si uniranno per fornire una unica offerta a marchio unificato. Si tratta quindi di una fusione volta ad aumentare la redditività e non a far scomparire uno dei due marchi. Basti pensare che questo sodalizio porterà a raggiungere il 70% della popolazione con l’offerta Adsl. Stanno inoltre collaborando con Open Fiber, per la realizzazione di una rete Fiber To The Home che possa garantire una velocità e stabilità di connessione superiore a tutti. Ad oggi le città coperte: Milano, Torino, Bologna e Perugia. Le stime prevedono la copertura internet entro il 2018 per almeno 3,8 milioni di italiani.

Per quanto riguarda la telefonia mobile nell’intervista si è parlato di una espansione della rete con la realizzazione di un unico network formato da 21 mila impianti di trasmissione 4G che diventerà più avanti anche 5G.

Categorie

About the Author: